Internet dele meraviglie, nel 2017 attraverso la rete non solo si resta in contatto con amici distanti ma si accede a contenuti multimediali ed informazione, come anche a servizi di ogni tipologia - e qualità. Anche la pubblica amministrazione del resto punta sulla digitalizzazione delle proprie procedure, e così anche nella sanità si fanno i primi timidi passi verso la trasposizione in digitale di quanto prima -nella migliore delle ipotesi- avveniva tramite telefono. Nell'universo della sanità 2.0 le assicurazioni professionali medico entrano di diritto come forma di tutela del paziente ma il dato che davvero colpisce è il tasso di crescita con cui si fa apprezzare la presenza di sanitari raggiungibili tramite il web.

Per quanto il divario tra pubblico e privato continui ad aumentari in favore del secondo settore, nonostante le continue sollecitazioni da parte delle istituzioni, non si può far a meno di apprezzare il tasso di crescita con cui i sanitari si affacciano sulla rete, è stato infatti registrato un aumento del 46% su base annua rispetto all'anno precedente, tanto nelle visite quanto nella prenotazione di prestazioni di base o specialistiche.

Gli argomenti a favore della sanità privata sono ovviamente la velocità nell'erogazione dei servizi e l'affidabilità delle strutture, molto più accessibili rispetto ai presidi pubblici oberati da richieste infinite che non fanno altro che allungare le già interminabili liste d'attesa. Ma la vera carta vincente del segmento privato sta nella possibilità di scelta del professionista sulla base non solo della disponibilità di quest'ultimo, ma anche sulla base delle recensioni rilasciate da altri pazienti che prima di noi si sono avvalsi delle prestazioni in discorso.

Una volta presa visione dell'agenda del medico si effettua la prenotazione, la conferma arriva entro un'ora una volta su due, mentre nella quasi totalità dei casi (una percentuale intorno al 95%) entro le 24 ore si ha il via libera. E anche la presenza di medici sale arrivando a toccare punte del 70%, il che -contati gli affezionati del metodo classico- rappresenta un traguardo importante. Le specializzazioni maggiormente ricercate nella barra dei browser sono ginecologia e dermatologia, ma d'altro canto c'è ancora un preoccupante parte degli internauti che affida la diagnosi delle proprie problematiche agli stessi motori di ricerca, col risultato che una comunissima influenza viene ricondotta nell'alveo delle patologie rare.

E' facile intuire come l'accesso ad una mole di informazioni sempre maggiore possa rendere la vita di pazienti e medici molto più semplice, d'altro canto questa emorragia informativa rischia di rendere tutto più caotico e complesso, motivo per cui è giusto trovare in ogni servizio un competente intermediario. Come per un problema agli occhi affidiamo la nostra salute all'oculista, così per la miglior tutela del vostro interesse professionale e personale è bene confidare in chi del mondo della assicurazioni professionali ha fatto il proprio pane. Utilizzare i canali telematici per erogare in modo puntuale ed efficiente un servizio tradizionalmente riservato ad altri strumenti è una scelta che accomuna i medici al team di RCPolizza.it, tramite internet infatti riusciamo ad abbattere i costi ed offrire un servizio di qualità, anche grazie alla partnership con istituti assicurativi di provata esperienza e solidità. Fai un preventivo e consulta le nostre proposte per l'assicurazione professionale medico.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo ai tuoi amici e colleghi