Fai un preventivo, scopri quanto puoi risparmiare!

al miglior prezzo

Prosegui
Il preventivo è gratuito, non vincolante e ti assicura il prezzo per 60 giorni

Assicurazione Patrimoniale - Dipendenti ASL

Polizza di assicurazione per la Responsabilità Civile dei Dipendenti ASL

Ai dipendenti ASL offriamo polizze patrimoniali nella tipica formula CLAIMS MADE, tipologia di polizza con la quale il contraente è tenuto indenne dalle richieste di risarcimento pervenute durante il periodo di validità della polizza a prescindere da quando si sia verificato l’evento. L’ampiezza di questa garanzia ulteriore varia a seconda delle vostre esigenze, naturalmente un lavoratore con una breve storia professionale non troverà convenienza in una retroattività che vada indietro nel tempo sino alla prima rivoluzione industriale, mentre un navigato dipendente ASL avrà certamente interesse a tutelarsi nel modo più esteso ed efficace possibile.

Come stabilire la durata della retroattività?

Dipende dalle esigenze di protezione che ciascuno di noi avverte, con le continue riforme della sanità, l’esternalizzazione dei servizi e il boom della litigiosità in ambito medico sanitario ogni minimo incidente di percorso rischia di diventare un caso di giustizia internazionale! Le polizze patrimoniali dipendenti ASL sono l’ideale per chiunque svolga la propria attività come lavoratore delle aziende sanitarie locali, oggigiorno non sono più solo gli errori di laboratorio a spaventare, la cattiva gestione di una pratica o un semplice errore di distrazione possono generare un danno consistente per l’utente, per altri privati in rapporti con l’azienda o per l’ASL stessa, danni che il dipendente può essere tenuto a risarcire a vario titolo. E in base a cosa il dipendente viene chiamato a rispondere per simili danni? In base ad un procedimento giurisdizionale emesso a conclusione di un processo (o più processi a seconda dei gradi di appello affrontati) e quindi spese su spese che si accumulano.

Perché dotarsi di una assicurazione patrimoniale dipendenti ASL?

Se per i medici sottoscrivere un'assicurazione professionale era una sana abitudine ancor prima che diventasse un obbligo, agli altri dipendenti della ASL ad oggi viene data la libertà di scegliere se tutelarsi con questo strumento di risk management o meno, in piena autonomia.

Certo è che se tradizionalmente per gli errori di tutti a pagare era l’amministrazione oggi sempre meno di frequente il sistema sanitario nazionale allarga il borsello a capo chino, mettendo una toppa dove i sanitari sbagliano, quindi capita spesso e volentieri che le amministrazioni pubbliche si rivalgano nei confronti dei propri dipendenti ‘distratti’, o ancor più spesso una richiesta di risarcimento viene indirizzata direttamente al dipendente ritenuto responsabile per un certo evento sfavorevole.

Guardando a quello che la legge dice, e a maggior ragione a quel che dice la Costituzione, i dipendenti delle ASL rispondono come tutti i dipendenti pubblici per i danni causati svolgendo le proprie mansioni, questo vale tanto per i danni arrecati a terzi quanto per i danni arrecati all’ASL stessa, limitatamente alle ipotesi di responsabilità civile in quanto quella penale, essendo personale, non è assicurabile.


Quando si attiva l’assicurazione patrimoniale dipendenti ASL?

  • - Nelle ipotesi in cui venga accertato un illecito extracontrattuale sia che la condotta dell’assicurato sia dolosa, sia che venga imputata la colpa grave;
  • - Nei casi in cui al dipendente ASL venga imputata responsabilità patrimoniale, amministrativa, contabile per danni causati alla stessa ASL.

Dal punto di vista legale quali sono i comportamenti rilevanti?

Le condotte dolose in primis, ma anche quelle caratterizzate da colpa grave, nonché le ipotesi in cui al dipendente venga contestata la violazione degli ordinari precetti di diligenza prudenza e perizia, le omissioni, i ritardi nel compimento delle attività che il dipendente ASL deve compiere, oltre che l’eventuale rifiuto di svolgere attività che sarebbero normalmente attese dato il suo ufficio, sia nei riguardi dell’amministrazione che nei riguardi di soggetti esterni ad essa.

C’è poi da rammentare che per offrire maggior tutela ai terzi è previsto che tra ASL e dipendente ASL sussista un legame di responsabilità solidale per cui il danneggiato potrà rivolgere la propria richiesta di risarcimento all’ASL o al dipendente ASL indifferentemente, così da avere maggiori possibilità di vederla accolta. Se è vero che molto spesso la richiesta viene diretta all’azienda sanitaria perché economicamente più robusta, nelle ipotesi residuali meglio pagare di tasca propria o spendere una manciata di euro per un’assicurazione patrimoniale che vi copra?


Ecco quali sono le tipologie di danno interessate:

  • - Danno causato all’azienda sanitaria anche senza che il terzo venga danneggiato;
  • - Il danno subito dal terzo dal dipendente ASL o comunque imputato alla ASL in conseguenza della condotta del dipendente.

Il sistema sanitario nazionale è quello che più di tutti soffre per la riduzione dei finanziamenti da parte dello Stato, tagli ai posti letto, tagli al personale, tagli alle prestazioni erogate, tagli tagli tagli e alla fine il quadro ne esce più confuso che mai. In tutto questo a farne le spese è sempre il dipendente ASL, in quanto è difficile fare le proprie rimostranze presso il Ministero della Salute! Non è infrequente che gli utenti insoddisfatti -a torto o a ragione- cerchino la rivalsa nel modo sbagliato, accusando anche in modo pretestuoso medici ed amministrativi per ottenere un risarcimento a tutti i costi, senza pensare che a rimetterci siamo tutti noi, utente incluso.

Se il terzo ha ragione è giusto risarcirlo, ma meglio non dover fare a pezzi il salvadanaio, con un’assicurazione patrimoniale dipendenti ASL sarà l’istituto che produce la polizza a pagare per voi, se invece il terzo non ha ragione, doverlo risarcire a conclusione di un procedimento giudiziario è come aggiungere la beffa al danno, e allora la domanda è: vale la pena risparmiare qualche decina di euro per rischiare di vedere anni di duro lavoro e sacrifici, scivolare impietosamente nelle tasche di qualcun'altro?

Cosa copre un’assicurazione patrimoniale dipendenti ASL?

Abbiamo già visto quali sono le ipotesi coperte, a cominciare dalla colpa grave fino al dolo, passando per tutte le condotte che arrecano un danno alla stessa ASL o un terzo sia di tipo patrimoniale o erariale; in rapida sintesi:

  • - Il danno a terzi o alla ASL causato dal dipendente;
  • - Le spese sostenute difesa inclusa transazione relativa a violazione di obblighi, errori, omissioni e ad atti colposi (anche solo presunti);
  • - I rimborsi dovuti per provvedimenti giudiziali;
  • - Ogni attività ammessa dalla legge e dai regolamenti per cui si rimanda al questionario al fine di avere una più esaustiva panoramica.

Una polizza patrimoniale dipendenti ASL che garanzie può offrire?

  • Responsabilità civile nei riguardi di terzi esclusa l’amministrazione di appartenenza;
  • Responsabilità civile per casi di colpa grave, incluso danno erariale;
  • Perdita, interruzione o sospensione di attività di terzi;
  • Perdite patrimoniali per attività di ’assunzione del Personale’;
  • Attività connesse alla rappresentanza;
  • Perdite patrimoniali subite in relazione al d. lgs 626/94 e 494/96;
  • Acquisizioni in economia;
  • Perdite patrimoniali subite in relazione al d. lgs. 196/2003.
Richiedi un preventivo
Il preventivo è gratuito, non vincolante e ti assicura il prezzo per 60 giorni

Le recensioni dei nostri clienti

4.74 su 5, basato su 214 recensioni

Accedi per esprimere la tua preferenza

I migliori lavorano con noi

Con oltre 30 compagnie, RCPolizza.it ti aiuta a risparmiare. Confrontiamo per te le migliori offerte sul mercato, garantendoti il massimo risparmio e tutta l'assistenza di cui hai bisogno.